Home Imprese Sostenibili Raee, riparte l’iniziativa Ecolamp, Raccogliamo Valore

Raee, riparte l’iniziativa Ecolamp, Raccogliamo Valore

pubblicato il:
raccogliamo valore - ecolamp

Riparte anche quest’anno il percorso didattico Raccogliamo Valore, promosso dal consorzio Ecolamp, specializzato nello smaltimento dei Raee

L’iniziativa include un concorso a premi con in palio buoni per l’acquisto di materiali scolastici, avvicina gli studenti delle scuole elementari, medie e superiori ai temi della raccolta differenziata e del suo impatto sul futuro del Pianeta, con particolare riferimento ai Raee – rifiuti di apparecchiature elettriche ed elettroniche.

L’edizione di quest’anno di Raccogliamo Valore porta con sé alcune novità, a partire dalle lezioni fruibili online che permettono agli insegnanti di monitorare online lo stato di avanzamento delle proprie classi e interagire con gli studenti tramite chat o webinar disponibili sulla piattaforma.

Interessante anche il concorso a premi la cui scadenza è prevista per la prossima primavera.

Agli alunni di primo grado è richiesto di realizzare una sorta di vademecum per la cittadinanza da presentare in un documento Pdf con immagini e parole, che illustri le varie tipologie di Raee, il corretto luogo di conferimento e dia consigli sui comportamenti in grado di ridurre l’impatto di questi prodotti sull’ambiente.

Le scuole secondarie, invece, devono cimentarsi nella produzione di un elaborato creativo con la tecnica dello storytelling, che sia sotto forma di video o di racconti per immagini e parole in Pdf, che riassuma in maniera critica il proprio modo di intendere la raccolta differenziata e il suo impatto sul futuro del Pianeta, con particolare riferimento al tema dei Raee.

Gli elaborati devono poi essere caricati sulla piattaforma di Educazione Digitale – su cui è presente l’intero progetto Raccogliamo Valore – entro il 30 aprile 2021.

La partecipazione è gratuita e i vincitori riceveranno buoni per l’acquisto di materiali scolastici. Un modo per essere vicini alle scuole italiane.

Condividi: