Home Eventi M’illumino di meno, sempre più una necessità

M’illumino di meno, sempre più una necessità

pubblicato il:
M'illumino di meno 2022

L’11 marzo torna M’illimino di meno (iniziativa lodevole ideata da Caterpillar e sostenuta da Radio2 e sostenuta da Asvis) e quest’anno il significato è doppio: abbiamo bisogno di mettere mano alle nostre abitudini e ridurre con forza i nostri consumi di energia.

Luce e gas sono due fattori che devono essere tenuti sotto controllo, non solo per gli alti costi in bolletta, ma perché diventa sia una risposta alla dipendenza estera. E un segnale alla guerra Ucraina in atto con la spartizione geopolitica di risorse energetiche e materie prime.

In molti aderiscono anche quest’anno a M’illumino di meno, tant’è che la lista è lunga e non sarà di sicuro esaustiva (citiamo: Aidda, l’Associazione Imprenditrici e Donne Dirigenti d’Azienda, PwC Italia, Fondazione per la Sostenbilità digitale, Allianz). Seguono, azioni dirette.

Le iniziative per M’illumino di meno 2022

Le imprenditrici di Aidda, per sempio, aderiranno all’iniziativa con un’azione simbolica (pedalando, rinverdendo spazi cittadini, migliorando l’efficienza energetica con riciclo il riuso o mezzi elettrici, spegnendo le luci).

Il loro contributo però non si fermerà solo all’11 marzo: l’associazione infatti si impegna a mettere a disposizione delle socie incontri e approfondimenti sul tema della migliore strategia energetica in azienda, che passa anche e in maniera importante dall’efficientamento energetico.

Un’attenzione maggiore in questo settore avrebbe vantaggi ambientali ma anche economici: è stato stimato che un’accurata diagnosi energetica delle imprese e un intelligente piano di risparmio/efficienza può tagliare la bolletta del 15% o 25%, a seconda dei settori.

Anche il Muse di Trento e il Museo Bagatti Valsecchi di Milano aderiscono all’evento che invita a vivere in prima persona il risparmio energetico.

Al Muse un incontro, dal titolo Notti più scure, futuro più luminoso sviluppa dibattito e happening sul tema di quello che è l’inquinamento luminoso.

Fondazione per la Sostenibilità digitale, invece, ha pubblicato proprio in occasione della giornata in questione un Decalogo della Sostenibilità Digitale, ovvero una serie di semplici consigli rivolti a giovani e famiglie sia per inquinare meno con il digitale che per inquinare meno grazie al digitale.

Dalla gestione accorta della banda Internet all’eliminazione dei file inutili dal cloud, evidenziando una serie di comportamenti rispetto ai quali gli strumenti digitali permettono di essere responsabili nei confronti dell’ambiente (dalla gestione intelligente degli elettrodomestici alla differenziazione dei rifiuti).

Intanto, l’ultracyclist Paola Gianotti sta pedalando da Stoccolma a Milano: 2.200 km in 14 tappe, con arrivo previsto nel capoluogo lombardo proprio oggi. Un tour che è anche un appello al consumo responsabile tout court.

Infine, nella serata di venerdì 11, per rispettare il silenzio luminoso e contribuire attivamente al risparmio delle risorse energetiche, nel quartiere Citylife a Milano la Torre PwC verrà spenta per alcuni minuti, in contemporanea con la Torre di Generali e la Torre di Allianz.

Condividi: